· 

I 5 Gusti e la Salute


Chi avrebbe detto che i gusti sarebbero diventati parte integrante del nostro benessere fisico e psicologico? 

 

Per noi il gusto è sempre stato uno dei cinque sensi a cui davamo importanza soprattutto per scegliere i cibi che ci piacciono. Magari anche per investigare gli aspetti psicologici ad essi relativi. Eppure l'esperienza ci ha sempre insegnato che il gusto cambia anche a seconda della condizione fisica in cui ci troviamo (oltre che di quella psicologica).

 

Negli ultimi tempi siamo diventati più sensibili alla conoscenza e ci piace approfondire, con aperture verso saperi antichi provenienti persino da civiltà lontane dalle nostre, geograficamente e culturalmente, come quella cinese. 

  

Nella millenaria tradizione cinese, fortunatamente conservata e valorizzata, i GUSTI  sono parte integrante del sapere medico, assieme alle condizioni climatiche e ad altri fattori specifici.

 

Cinque sono le dita di mani e piedi, cinque sono gli organi del nostro corpo, cinque sono le stagioni (compreso la stagione di mezzo), cinque sono gli elementi naturali collegati ad esse e cinque sono i gusti.  Averne consapevolezza ci aiuta in una alimentazione più attenta e consapevole. In questo articolo facciamo solo qualche accenno. 

Tabella dei GUSTI

GUSTO STAGIONE ORGANO Yin ORGANO Yang
 Aspro Primavera Fegato

Cistifellea

Amaro Estate Cuore

 

Intestino Tenue
Piccante Autunno Polmone  Intestino Crasso
Salato Inverno Reni Vescica urinaria
Dolce  Quinta stagione Milza Stomaco

Non è difficile associare i gusti all'Alimentazione che oramai tutti considerano una vera scienza e come ogni scienza ha i suoi paradigmi, approcci, teorie.

 

Nella teoria dell'alimentazione che proviene dalla Medicina tradizionale cinese ogni alimento ha una specifica energia chiamata QI. Nell'alchimia taoista  basata sulla energia dei 3 riscaldatori, l'alimento è posto al centro, è il riscaldatore mediano legato a milza, pancreas e stomaco.  

 

Senza entrare nella complessità della materia possiamo dire che la teoria dei 5 elementi, parte integrante della Medicina Tradizionale cinese, fa da cornice alla teoria della alimentazione.  Secondo questa teoria dobbiamo anzitutto assumere ogni giorno più Qi possibile, ed i cibi che alimentano e conservano il fuoco della digestione sono indispensabili. I 5 gusti devono essere ugualmente rappresentati nella nostra dieta, avendo magari più attenzione e consapevolezza a quelli della stagione di riferimento. 

Poi c'è la questione del caldo e del freddo. Faccio un esempio: la melanzana che in alcune alimentazioni viene completamente bandita, nella cucina tradizionale cinese è ritenuta utile per i dolori mestruali, è dolce e fresca e toglie il calore e le tossine (febbre e bruciori).

Fonte: La cucina dei 5 elementi, Christine Seifert, Ed. Mediterranee

Scrivi commento

Commenti: 0