· 

L'Anno cinese del Topo di Metallo


Come molti sanno, in Cina si inizia il Capodanno festeggiando uno dei 12 animali dell'Oroscopo cinese.  Sul web c'è di tutto e di più sull'argomento, quindi potete trovare senza difficoltà ciò che volete sia sugli oroscopi cinesi che su quello specifico del Topo che si quest'anno. Qui vi riportiamo invece alcune parti del testo scritto da Georges Charles sul suo sito a proposito del topo che ho trovato davvero divertenti. Li ho tradotti ma se volete potete leggere il testo integrale in francese. Dunque...

 

Il ratto nero è originario del sud-est asiatico e si è diffuso in Europa seguendo le Legioni romane.  Devono esserci stati rapporti commerciali tra Occidente ed Asia molto prima di Marco Polo. Il ratto norvegese, a differenza di quello latino, ebbe origine in Persia e seguì le grandi invasioni che colpirono l'Europa centrale nel XVIII secolo e da lì si diffuse su tutto il pianeta. Pare che nell'autunno del 1727, in seguito ad un terremoto, tantissimi ratti fecero irruzione sulle rive del Mar Caspio, attraversarono il Volga vicino ad Astrakan ed andarono verso Ovest infestando le grandi città e molto probabilmente amplificando le epidemie di peste. 

In Occidente il ratto è mal visto sebbene svolga un ruolo importante nella eliminazione dei rifiuti, come è scritto a pagina 45 di "La fauna della Francia - vertebrati e principali invertebrati", pubblicato dal Museo Nazionale di Storia Naturale nel 1992:  "Gli studi hanno dimostrato che  le fogne di Parigi sarebbero rapidamente sature senza la presenza dei topi". E' stato calcolato che in assenza di ratti le fogne si bloccherebbero nel giro di tre settimane causando un vero e proprio disastro sanitario. 

Diversamente che da noi occidentali, in Asia il ratto è tenuto il alta considerazione. Addirittura in India, Cina e persino in Giappone è onorato in numerose cerimonie religiose e laiche.  

L'anno del ratto di metallo Wu Zi (Geng Zi) o "Ratto bianco che rimane sul raggio" inizia in Italia nella notte tra il 24 e il 25 gennaio. E' il primo anno di un ciclo di dodici che  corrisponde all'anno 4718 dell'antico calendario imperiale cinese.  

Intanto precisiamo che per i cinesi e i giapponesi topi e ratti sono la stessa cosa. Il ratto è solo un topo grande o vecchio e qui sono curiose alcune somiglianze linguistiche e di pronuncia. SHU significa topo o ratto, LAO SHU significa "vecchio topo" ma Lao Shu si pronuncia quasi come LAO SHI che significa "Venerabile maestro". Possiamo immaginare come un occidentale possa rivolgersi ad un vecchio topo se sbaglia la pronuncia, cosa quasi scontata.   Poi c'è BEI SHU che significa "mascalzone" e nella visione cinese molto classica i mascalzoni sono tutti coloro che affermano di appartenere al "clan dei topi" e ne sono orgogliosi. Sono, in un certo senso i cavalieri-banditi del romanzo epico "Ai bordi dell'acqua", i "cento otto Briganti". Insomma, questo primo animale dello zodiaco cinese che per molti occidentali genera una certa avversione (assieme al serpente) non ha affatto cattiva reputazione in Estremo Oriente.  Addirittura si sostiene che il ratto sia stato il primo animale a rendere omaggio al Buddha. Era tra gli animali invitati assieme al Bue che viene indicato come un animale serio, benevolo e disciplinato. Il furbo ratto salta sulla testa del bue e arrivato a destinazione assieme a lui, cosa che non sarebbe mai accaduta se avesse fatto la strada da solo. Arrivato a destinazione, quando il bue si inchina per rendere omaggio al Buddha il topo cade direttamente nelle sue mani che lo accoglie come fosse una culla. Questo piccolo simpatico opportunista ha affascinato Buddha che lo ha reso il primo animale dello zodiaco.  Pensate che in India il ratto funge da cavalcatura per Ganesh l'elefante. Eh si, proprio per l'elefante che è risaputo abbia paura dei topi.  

Gli anni di nascita per il ratto sono i seguenti: 1900 1912 1924 1936 1948 1960 1972 1984 1996 2008 2020

 I cinesi pragmatici ritengono che la presenza di un topo in cantina o in soffitta attesti l'opulenza di una famiglia e quindi attribuiscono al ratto "intenditore" buoni auspici. SHU viene anche pronunciato come se fosse "calcolo" e difatti non è difficile trovare immagini anche fumettistiche del ratto che conta il denaro.  Il Ratto di metallo è dominato dal Fuoco, è considerato particolarmente intelligente, ama progettare ed ha molti talenti. Pecca però di poca modestia,  si considera il migliore nel suo campo e tenta sempre di influenzare coloro che lo circondano. E' senz'altro molto affabile anche se non smetterà mai di vendicarsi quando crede di essere stato tradito. Il ratto di metallo è anche un liberatore, riesce a far affermare ciò che sino a quel momento era considerato negativamente, diciamo che ci sa fare e sa rimettersi sempre in piedi nonostante le cadute perché trasforma tutto in opportunità.  Diciamo che è' un vero opportunista ma in senso positivo. Trasforma tutto in opportunità ed è conosciuta la sua sua ostinazione che lo porta ad andare sempre avanti. Si dice che la sua vecchiaia è generalmente felice, soprattutto se è circondato da un famoso gruppo di topi con cui fare festa senza preoccuparsi di ciò che dirà la gente. Deve però stare attento agli eccessi che possono mettere in pericolo la sua salute.  Quando cerca di dimagrire, ad esempio, finisce per deprimersi e quindi è spinto a fare uno spuntino in più che lo fa star meglio. Il topo è un vero bohèmien ma è tanto comprensivo e noi gli vogliamo bene quando non lo sottoponiamo a crudeli vivisezioni.  Quindi BUON ANNO DEL RATTO.  

 

L'ostinazione del Topo è stata molto chiara in come i cinesi di oggi hanno combattuto e superato l'epidemia da Coronavirus, nonostante il centro di diffusione sia stata la loro terra. 

 


Scrivi commento

Commenti: 0